• lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
Home Il diario di bordo Report Escursioni 2012 Pale di S. Martino - Rif. Pradidali - Cima di Val di Roda - Fradusta
PDF Stampa E-mail

PALE DI SAN MARTINO - RIF. PRADIDALI

PORTON - VELO - FRADUSTA

DEL 17/18/19 AGOSTO 2012

Partecipanti:

Totali 14 di cui 12 soci.

Condizioni meteo e ambientali:

Tre giorni con tempo stabile e soleggiato, completamente sereno al mattino, con nuvolosità cumoliforme al pomeriggio. Visibilità buona il Sabato, eccellente la Domenica. Vento pressochè assente, temperatura molto elevata compresa fra 15 e 24°C.

Al Venerdì la faticosa salita al rifugio Pradidali, accompagnata dal caldo e da un elevato tasso di umidità mette subito a dura prova i Soldanelli che all'arrivo in rifugio scoprono anche di non poter lavarsi e rinfrescarsi, per la scarsa disponibilità d'acqua. Sabato quasi tutti i partecipanti, tranne Dennis e Jody che scelgono di rilassarsi rimanendo nei dintorni del rifugio, affrontano il tour delle ferrate: Porton, Velo (andata e ritorno) e sentiero Nico Gusella. La difficoltà del percorso e la giornata calda rendono l'escursione molto lunga e faticosa, soprattutto per i meno esperti e allenati e, come sempre in questi casi, risulta determinante l'aiuto e il conforto che i Soldanelli più esperti e prestanti offrono (nel pieno spirito del nostro gruppo) ai compagni in difficoltà. Ben rifocillati e ricaricati, la Domenica tutti insieme salgono sull'altipiano delle Pale, e aggirati i "resti del ghiacciaio", conquistano la cima della Fradusta, premiati con una vista a 360° che ha pochi eguali nelle Dolomiti. Poi giù per la lunga discesa, resa ancora più dura dal sole e dal caldo, che attraverso la Val Canali riporta al punto di partenza. Tre giorni molto intensi che oltre alla fatica e al sudore (tre giorni senza lavarsi), lasciano negli occhi e nel cuore dei Soldanelli delle viste e delle emozioni irripetibili. 

Foto: