• lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
PDF Stampa E-mail

CICLABILE DEI TRE FIUMI

MUSON - BRENTA - TERGOLA

DEL 26 Maggio 2019

Partecipanti:

Totali 16 di cui 16 soci.

Per la ciclopedalata dei 3 fiumi, il tempo ci ha regalato una giornata stupenda nonostante le previsioni meteo non proprio splendide. Dopo aver scaricato le bici e averle montate e regolate siamo partiti da Camposampiero in 16 (tutti Soldanelli) con una temperatura ideale di 18°C. Il sole in quel momento era un po' velato dietro alle poche nuvole presenti e questo ci ha permesso di percorrere una buona parte del percorso senza accaldarci, ammirando la campagna padovana che scorreva ai nostri fianchi, attenti però ad evitare le buche che costellavano il tratto di sterrato lungo il Muson dei Sassi (modello viabilità romana). In località Cadoneghe, di fronte alla frazione di Torre (sulla sponda opposta del fiume Brenta) finalmente la classica “sosta banana” e un meritato caffè. Continuando nel percorso lungo la Brenta siamo costretti a togliere qualche indumento perché il sole, che ha fatto capolino da dietro le nubi, si fa sentire con tutto il suo calore; la presenza di una leggera brezza ci dava però un po' di sollievo. E così, pedalata dopo pedalata, siamo arrivati a Stra, dove non poteva mancare la foto di gruppo di fronte alla maestosa Villa Pisani. Dopo la “pausa pranzo” partenza fiancheggiando il fiume Tergola in un percorso vario e tortuoso tra campi di papaveri e fiori di sambuco, seguendo le anse del fiume sino ad arrivare al parco del castello dei Da Peraga, parco che il Comune ha messo a disposizione del pubblico. Molto interessanti le numerose tartarughe che popolano il laghetto del parco come pure i monumentali esemplari di Cedri, Ginko bilobe e Cipressi calvi, tanto per citarne alcuni. Proseguendo nel percorso tortuoso e sterrato (molto sterrato) che costeggia il fiume Tergola, passiamo alcuni centri abitati e arriviamo alla chiesa campestre di Santa Maria di Panigale del VII – VIII secolo. La giornata si fa sempre più calda ma fatti pochi km ci ritroviamo all’incrocio tra il Tergola e il Muson dei sassi, già superato al mattino, ormai siamo prossimi alla base. Alla fine della bellissima giornata i km affrontati dai partecipanti (sembra con soddisfazione, gradimento e senza eccessive ripercussioni alle “terga”) saranno 53.

Manu&Vitt&Diego