• lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
Home
PDF Stampa E-mail

Sabato 21 e Domenica 22 Luglio escursione annullata

Cari soci e iscritti all'uscita, vi informiamo che causa le condizioni meteo non favorevoli (sono previste estese precipitazioni e temporali al Sabato e tempo molto incerto la Domenica), l’escursione al Rifugio Tridentina - Vetta d'Italia viene annullata.

Vi aspettiamo Mercoledì 1 Agosto alla presentazione dell'uscita del 4 Agosto sul Chiadenis / Avanza.

 
PDF Stampa E-mail

Giovedì 19 Luglio alle ore 21,00

presso la sala in Piazza Pio X a Casier (di fianco alla chiesa)

presentazione dell'uscita di Sabato 21

e Domenica 22 Luglio

Alpi Aurine - Rifugio Tridentina - Vetta d'Italia


Proposta da: Ennio Bonaventura e Tiziano Michielin

Per info: 348.3192189

Mezzo di trasporto: Auto

Partenza: Sabato 21 alle ore 7,30 dal parcheggio di Dosson

Rientro previsto: Domenica 22 ore 21,00

Difficoltà: EE - Escursionisti esperti

Lunghezza: 8 + 14 km

Dislivello: 850 + 500 m in salita 1350 m in discesa

Tempi: 3,5 + 7 ore

Equipaggiamento: zaino, scarponi, pile, giacca a vento, ramponcini, guanti, cappello, occhiali, crema solare e bastoncini. Per il pernottamento: sacco lenzuolo, torcia e ciabatte, cambio e set per pulizia. Pranzo e bevande al sacco 1/2 giorni.

Costo rifugio: 44 € soci CAI / 52 € non soci

Tutte le info e i dettagli nella presentazione di Giovedì 19

Per iscriversi entro le ore 22 di Giovedì 19 Luglio

chiamare il 333.4184778 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
PDF Stampa E-mail

LATEMAR - FERRATA DEI CAMPANILI - RIFUGIO TORRE DI PISA

DEL 8 LUGLIO 2018

Una giornata splendida, in un ambiente grandioso. Un’escursione che ha richiesto un grande lavoro organizzativo e di pianificazione (non di meno quella stradale) ma che ha ripagato tutti per la bellezza e la severità dei luoghi visitati. Il Gruppo del Latemar non poteva regalarci qualcosa di meglio. Dai 22 partecipanti, equamente suddivisi tra gruppo “A” e gruppo “B”, i pareri sono stati concordi e uniformi… gita straordinaria, soddisfazione grande!!!! La fortuna ci ha regalato una giornata di sole (non troppo caldo fortunatamente) in un luogo severo ma scenografico, pietroso, un po’ fiabesco forse. Tutto è filato liscio e le piccole difficoltà incontrate le abbiamo superate insieme e in armonia. Come capogita vogliamo ringraziare tutti i partecipanti per il prezioso sostegno, per averci aiutati a realizzare l’escursione in maniera sicura e completa. Non meno per il piacere di essere stati assieme per ridere e “soffrire”.

Il vero report dell’escursione lo trovate proprio sotto queste righe, era troppo lungo da pubblicare qui. Abbiamo cercato di raccontare in tono un po’ ironico e a grandi linee l’escursione, ma volevamo anche trasmettere le emozioni e i momenti significativi che abbiamo vissuto assieme. Buona lettura!

Foto:


Allegato
Download this file (Report Latemar.pdf)Report Latemar.pdf[Report Latemar]64 Kb
 
PDF Stampa E-mail

Giovedì 5 Luglio alle ore 21,00

presso la sala in Piazza Pio X a Casier

presentazione dell'uscita di Domenica 8 Luglio

Latemar - Ferrata dei Campanili

Rifugio Torre di Pisa


Proposta da: Walter Marini e Daniele Martignago

Per info: 338.3334449 - 347.5040872

Mezzo di trasporto: Auto

Partenza: alle ore 5,00 dal parcheggio di Dosson, ore 5,15 da Monigo

Rientro previsto: ore 21,00

Difficoltà: EEA - Escursionisti esperti con attrezzature  E - Escursionistica

Lunghezza: 14/11 km

Dislivello: 995/700 m in salita e discesa

Quota massima: 2710 m

Tempi: 6,5/5,5 ore

Equipaggiamento: Zaino, scarponi, pile, giacca a vento, berretto, guanti, occhiali da sole, crema solare, bastoncini. Gruppo A imbrago, set da ferrata, casco e guanti.  Pranzo e bevande al sacco, adeguata scorta d'acqua.

Tutte le info e i dettagli nella presentazione di Giovedì 5

Per iscriversi entro le ore 12 di Sabato 7 Luglio

chiamare il 333.4184778 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
PDF Stampa E-mail

Giovedì 21 Giugno alle ore 21,00

presso la sala in Piazza Pio X a Casier (di fianco alla chiesa)

presentazione dell'uscita di Domenica 24 Giugno

La Grande Guerra

Gusela - Nuvolau - Averau - 5 Torri


Proposta da: Renzo Serafin, Enrico Porcellato, Lino Pasin, Donatella Olivotto

Per info: 348.9151872

Partenza: alle ore 6,30 al parcheggio di Dosson

Rientro previsto: alle ore 18,30

Mezzo di trasporto: Pullman.

Difficoltà: Gr.A: EEA Escursionisti esperti con attrezzatura

Gr.B: E  Escursionistica

Dislivello: Gr.A: 700 m in salita e discesa

Gr.B: 800 m in salita e 500 m in discesa

Quota massima: 2649 m

Tempi: 6 ore

Equipaggiamento: Abbigliamento completo da montagna con scarponi, pile, giacca a vento, cappello, occhiali, crema solare e bastoncini. Gruppo A casco, imbrago, set da ferrata e guanti. Abbondanti bevande e pranzo al sacco.

Tutte le info e i dettagli nella presentazione di Giovedì 21

Per iscriversi entro le ore 12 di Sabato 23 Giugno

chiamare il 333.4184778 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
PDF Stampa E-mail

LE MARMAROLE - RIFUGI CHIGGIATO E BAION

DEL 10 GIUGNO 2018

Partecipanti:

Totali 21 di cui 17 soci.

Quando arrivati a Dosson alle 18,45 io e Pierina ci siamo guardati e abbiamo detto… giornata perfetta… gita stupenda… ci siamo resi conto che era finita ed era andato tutto bene. Partiti di buon mattino seminando lo zaino di Jenny, causa partenza con bagagliaio aperto, troppa fretta di partire, arriviamo a fienili Stua dove inizia la nostra escursione. Il silenzio del bosco il cinguettio degli uccelli e il verde novello ci prepara ad una giornata incantevole. Per chi ama la montagna questa escursione offre un percorso molto vario, si passa dal bosco, ai prati, a piccoli passaggi attrezzati su roccia. Arrivati al rifugio Chiggiato ci accoglie Jack, simpatico Labrador sempre a caccia di qualcosa da mettere sotto i denti, qui alcuni si sono fermati e rilassati, muniti di copertina da pic-nic, il grosso del gruppo ha proseguito verso il rifugio Baion, percorrendo il difficile sentiero con tranquillità e senza problemi, rispettando i tempi a tal punto che arrivati al rifugio è iniziato a piovere, risparmiandoci la difficoltà della situazione.
Dopo mezz'ora, spuntato di nuovo il sole, siamo partiti per l'ultimo tratto della gita e in due ore eravamo alle auto. Che dire… giornata perfetta, tempo perfetto e sopratutto Soldanelli eccezionali, sempre all'altezza della situazione. Un grazie particolare a Giampiero, Walter e Primo per il loro sempre prezioso aiuto. Ermanno e Pierina.

Foto:


 
PDF Stampa E-mail

Giovedì 7 Giugno alle ore 21,00

presso la sala di Piazza Pio X a Casier

presentazione dell'uscita di Domenica 10 Giugno

Le Marmarole - Rifugi Chiggiato e Baion


Proposta da: Ermanno Lorenzon e Pierina Stefani

Per info: 393.8467007

Mezzo di trasporto: Auto

Partenza: alle ore 6,30 da Dosson e da Monigo

Rientro previsto: ore 19,00

Difficoltà: EE Escursionisti Esperti

Lunghezza: 14 km

Dislivello: 970 m

Quota massima: 2037 m

Tempi: 7 ore

Equipaggiamento: Completo da escursionismo con zaino, scarponi, giacca a vento, berretto, occhiali da sole, crema solare, bastoncini, cordino e moschettone. Pranzo e bevande al sacco con buona scorta d'acqua.

Tutte le info e i dettagli nella presentazione di Giovedì 7

Per iscriversi entro le ore 12 di Sabato 9 Giugno

chiamare il 333.4184778 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
PDF Stampa E-mail

CICLABILE ALPE ADRIA - DA TARVISIO A RESIUTTA

DEL 3 GIUGNO 2018

Partecipanti:

Totali 29 di cui 25 soci.

Condizioni meteo e ambientali:

Una bella e calda giornata di sole accoglie i Soldanelli ciclisti che si sono spinti fino a Tarvisio per iniziare la lunga e lenta discesa che li porterà a fine giornata a Resiutta.

Cielo azzurro e temperatura gradevole rendono piacevole pedalare (poco) e frenare (tanto) entrando e uscendo dalle 24 gallerie (tante), che caratterizzano il percorso costeggiado il corso del Fella, un lungo e vivace serpentone azzurro che scorre sinuoso nella stretta valle interrotta ogni tanto da piccoli centri abitati (pochi). Dopo la partenza dalla verde Sella di Camporosso, il passaggio su arditi ponti e l'attraversamento di buie e fresche gallerie, e due lunghe soste nei centri principali: Pontebba e Chiusaforte (bell'esempio di recupero della ex stazione), si arriva a Resiutta quasi senza accorgersene, e per tanti ci sarebbe la voglia di continuare (magari lo faremo un'altra volta), come promesso dai bravi e precisi capogita Diego e Vittorino. 

Foto:


 
PDF Stampa E-mail

CIMA VEZZENA O PIZZO DI LEVICO

DEL 6 MAGGIO 2018

Partecipanti:

Totali 30 di cui 24 soci.

Quando  el  tempo  fa queo chel  vol

Con Walter e Daniele abbiamo passato una settimana intera a consultare ogni possibile meteo, nella speranza che  Domenica ci fosse qualcosa di diverso da una giornata grigia. Niente da fare, fino a venerdì i risultati erano impietosi, variavano da ‘’nuvoloso’’, ‘’molto nuvoloso‘’ a ‘’rare schiarite con probabili temporali’’. Malgrado  tale  debacle meteorologica, forse per la simpatia dei capigita, avevamo una lista di 30  persone iscritte, volenterose  di uscire comunque. Quindi, innanzi tutto un grazie a questi fedeli nonché temerari soci, ai quali , mi perdonerete, stravolgendola non poco vorrei dedicare una piccola parte di una canzone di  De Andrè:

‘’C’è chi in montagna ci va per noia, Chi se la sceglie per professione, I  Soldanelli ne l’una ne l’altra, Loro ci vanno per passione’’

Passione che è stata premiata con una splendida giornata di sole, passata in allegria e in ottima compagnia, girovagando tra i morbidi paesaggi dell’altopiano, ravvivati dai numerosi incontri con le marmotte. Alcune di queste le abbiamo persino viste  sopra il tetto di una malga in rovina.  In tanti anni di frequentazione della montagna, questa proprio mi mancava. Scesi dalla cima, abbiamo sostato a lungo, sui prati che sono i pascoli d’ alta quota dell’ altipiano di Vezzena. Lo sguardo si riempiva del paesaggio bucolico, termine che ho appreso  recentemente da una socia colta, non è la contrazione delle parole ‘’buco’’ e ‘’alcolico’’, ma deriva dal greco ‘’ bukolos’’, pastore. Avevamo quindi davanti a noi un paesaggio pastorale. Con calma siamo ritornati al luogo di partenza, dove i soliti irriducibili senza fondo, hanno consumato più di un ‘’ tajer’’ con affettati  e formaggi locali.

Questa vicenda del meteo ci ha insegnato una cosa: Le previsioni sono sempre giuste, è il tempo che cambia.

Foto: