• lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
Home
PDF Stampa E-mail

News escursione Crande Guerra - Nuvolau, Averau, 5 Torri

di Domenica 24 Giugno

Confermiamo l'effettuazione dell'escursione, che si farà in pullman con partenza da Dosson alle 6,30 precise.

Il tempo è previsto soleggiato al mattino, con aumento della nuvolosità al pomeriggio e possibilità di pioggia dalle 15 in poi. Temperature fresche per il periodo intorno ai 3 - 5° C (prevedere abbigliamento adeguato).

Buona escursione con La Soldanella. Occhiolino

 
PDF Stampa E-mail

Giovedì 21 Giugno alle ore 21,00

presso la sala in Piazza Pio X a Casier (di fianco alla chiesa)

presentazione dell'uscita di Domenica 24 Giugno

La Grande Guerra

Gusela - Nuvolau - Averau - 5 Torri


Proposta da: Renzo Serafin, Enrico Porcellato, Lino Pasin, Donatella Olivotto

Per info: 348.9151872

Partenza: alle ore 6,30 al parcheggio di Dosson

Rientro previsto: alle ore 18,30

Mezzo di trasporto: Pullman.

Difficoltà: Gr.A: EEA Escursionisti esperti con attrezzatura

Gr.B: E  Escursionistica

Dislivello: Gr.A: 700 m in salita e discesa

Gr.B: 800 m in salita e 500 m in discesa

Quota massima: 2649 m

Tempi: 6 ore

Equipaggiamento: Abbigliamento completo da montagna con scarponi, pile, giacca a vento, cappello, occhiali, crema solare e bastoncini. Gruppo A casco, imbrago, set da ferrata e guanti. Abbondanti bevande e pranzo al sacco.

Tutte le info e i dettagli nella presentazione di Giovedì 21

Per iscriversi entro le ore 12 di Sabato 23 Giugno

chiamare il 333.4184778 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
PDF Stampa E-mail

LE MARMAROLE - RIFUGI CHIGGIATO E BAION

DEL 10 GIUGNO 2018

Partecipanti:

Totali 21 di cui 17 soci.

Quando arrivati a Dosson alle 18,45 io e Pierina ci siamo guardati e abbiamo detto… giornata perfetta… gita stupenda… ci siamo resi conto che era finita ed era andato tutto bene. Partiti di buon mattino seminando lo zaino di Jenny, causa partenza con bagagliaio aperto, troppa fretta di partire, arriviamo a fienili Stua dove inizia la nostra escursione. Il silenzio del bosco il cinguettio degli uccelli e il verde novello ci prepara ad una giornata incantevole. Per chi ama la montagna questa escursione offre un percorso molto vario, si passa dal bosco, ai prati, a piccoli passaggi attrezzati su roccia. Arrivati al rifugio Chiggiato ci accoglie Jack, simpatico Labrador sempre a caccia di qualcosa da mettere sotto i denti, qui alcuni si sono fermati e rilassati, muniti di copertina da pic-nic, il grosso del gruppo ha proseguito verso il rifugio Baion, percorrendo il difficile sentiero con tranquillità e senza problemi, rispettando i tempi a tal punto che arrivati al rifugio è iniziato a piovere, risparmiandoci la difficoltà della situazione.
Dopo mezz'ora, spuntato di nuovo il sole, siamo partiti per l'ultimo tratto della gita e in due ore eravamo alle auto. Che dire… giornata perfetta, tempo perfetto e sopratutto Soldanelli eccezionali, sempre all'altezza della situazione. Un grazie particolare a Giampiero, Walter e Primo per il loro sempre prezioso aiuto. Ermanno e Pierina.

Foto:


 
PDF Stampa E-mail

Giovedì 7 Giugno alle ore 21,00

presso la sala di Piazza Pio X a Casier

presentazione dell'uscita di Domenica 10 Giugno

Le Marmarole - Rifugi Chiggiato e Baion


Proposta da: Ermanno Lorenzon e Pierina Stefani

Per info: 393.8467007

Mezzo di trasporto: Auto

Partenza: alle ore 6,30 da Dosson e da Monigo

Rientro previsto: ore 19,00

Difficoltà: EE Escursionisti Esperti

Lunghezza: 14 km

Dislivello: 970 m

Quota massima: 2037 m

Tempi: 7 ore

Equipaggiamento: Completo da escursionismo con zaino, scarponi, giacca a vento, berretto, occhiali da sole, crema solare, bastoncini, cordino e moschettone. Pranzo e bevande al sacco con buona scorta d'acqua.

Tutte le info e i dettagli nella presentazione di Giovedì 7

Per iscriversi entro le ore 12 di Sabato 9 Giugno

chiamare il 333.4184778 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
PDF Stampa E-mail

CICLABILE ALPE ADRIA - DA TARVISIO A RESIUTTA

DEL 3 GIUGNO 2018

Partecipanti:

Totali 29 di cui 25 soci.

Condizioni meteo e ambientali:

Una bella e calda giornata di sole accoglie i Soldanelli ciclisti che si sono spinti fino a Tarvisio per iniziare la lunga e lenta discesa che li porterà a fine giornata a Resiutta.

Cielo azzurro e temperatura gradevole rendono piacevole pedalare (poco) e frenare (tanto) entrando e uscendo dalle 24 gallerie (tante), che caratterizzano il percorso costeggiado il corso del Fella, un lungo e vivace serpentone azzurro che scorre sinuoso nella stretta valle interrotta ogni tanto da piccoli centri abitati (pochi). Dopo la partenza dalla verde Sella di Camporosso, il passaggio su arditi ponti e l'attraversamento di buie e fresche gallerie, e due lunghe soste nei centri principali: Pontebba e Chiusaforte (bell'esempio di recupero della ex stazione), si arriva a Resiutta quasi senza accorgersene, e per tanti ci sarebbe la voglia di continuare (magari lo faremo un'altra volta), come promesso dai bravi e precisi capogita Diego e Vittorino. 

Foto:


 
PDF Stampa E-mail

Giovedì 24 Maggio alle ore 21,00

presso la sala in Piazza Pio X a Casier (di fianco alla chiesa)

presentazione dell'uscita di Domenica 3 Giugno

Ciclabile Alpe Adria da Tarvisio a Resiutta


Proposta da: Diego Galiazzo e Vittorino Favaro

Per info: 348.7184918

Mezzo di trasporto: Pullman + carrello portabici

Partenza: alle ore 6,30 dal parcheggio di Dosson (ritrovo 6,00/6,15 per carico bici)

Rientro previsto: ore 19,00

Difficoltà: CT - Cicloturistica

Lunghezza: 40 km

Dislivello: 490 m in discesa

Tempi: 4 / 4,5 ore

Equipaggiamento: Bici in buone condizioni con luci, zainetto, giacca a vento, occhiali da sole, crema solare, consigliati i pantaloncini da ciclista, casco obbligatorio per i minori. Pranzo e bevande al sacco.

Tutte le info e i dettagli nella presentazione di Giovedì 24

Per iscriversi entro le ore 12 di Sabato 2 Giugno

chiamare il 333.4184778 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
PDF Stampa E-mail

Giovedì 17 Maggio alle ore 21,00

presso il centro sociale di via Santi a Dosson

presentazione dell'uscita di Domenica 20 Maggio

Rifugio Vazzoler - Sella di Pelsa


Proposta da: Daniele Martignago e Vanni Frasson

Per info: 347.5040872

Mezzo di trasporto: Auto

Partenza: alle ore 6,45 dal parcheggio di Dosson, ore 7,00 da Monigo

Rientro previsto: ore 19,00

Difficoltà: E - Escursionistica

Lunghezza: 17 km

Dislivello: 880 m in salita e discesa

Quota massima: 1927 m Pian di Pelsa

Tempi: 6 ore

Equipaggiamento: Zaino, scarponi, pile, giacca a vento, berretto, guanti, occhiali da sole, crema solare, bastoncini. Pranzo e bevande al sacco, adeguata scorta d'acqua, il Rifugio Vazzoler è chiuso.

Tutte le info e i dettagli nella presentazione di Giovedì 17

Per iscriversi entro le ore 12 di Sabato 19 Maggio

chiamare il 333.4184778 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
PDF Stampa E-mail

CIMA VEZZENA O PIZZO DI LEVICO

DEL 6 MAGGIO 2018

Partecipanti:

Totali 30 di cui .. soci.

Quando  el  tempo  fa queo chel  vol

Con Walter e Daniele abbiamo passato una settimana intera a consultare ogni possibile meteo, nella speranza che  Domenica ci fosse qualcosa di diverso da una giornata grigia. Niente da fare, fino a venerdì i risultati erano impietosi, variavano da ‘’nuvoloso’’, ‘’molto nuvoloso‘’ a ‘’rare schiarite con probabili temporali’’. Malgrado  tale  debacle meteorologica, forse per la simpatia dei capigita, avevamo una lista di 30  persone iscritte, volenterose  di uscire comunque. Quindi, innanzi tutto un grazie a questi fedeli nonché temerari soci, ai quali , mi perdonerete, stravolgendola non poco vorrei dedicare una piccola parte di una canzone di  De Andrè:

‘’C’è chi in montagna ci va per noia, Chi se la sceglie per professione, I  Soldanelli ne l’una ne l’altra, Loro ci vanno per passione’’

Passione che è stata premiata con una splendida giornata di sole, passata in allegria e in ottima compagnia, girovagando tra i morbidi paesaggi dell’altopiano, ravvivati dai numerosi incontri con le marmotte. Alcune di queste le abbiamo persino viste  sopra il tetto di una malga in rovina.  In tanti anni di frequentazione della montagna, questa proprio mi mancava. Scesi dalla cima, abbiamo sostato a lungo, sui prati che sono i pascoli d’ alta quota dell’ altipiano di Vezzena. Lo sguardo si riempiva del paesaggio bucolico, termine che ho appreso  recentemente da una socia colta, non è la contrazione delle parole ‘’buco’’ e ‘’alcolico’’, ma deriva dal greco ‘’ bukolos’’, pastore. Avevamo quindi davanti a noi un paesaggio pastorale. Con calma siamo ritornati al luogo di partenza, dove i soliti irriducibili senza fondo, hanno consumato più di un ‘’ tajer’’ con affettati  e formaggi locali.

Questa vicenda del meteo ci ha insegnato una cosa: Le previsioni sono sempre giuste, è il tempo che cambia.

Foto:


 
PDF Stampa E-mail

CERTOSA DI VEDANA - LA VIA DEGLI OSPIZI

DEL 22 APRILE 2018

Partecipanti:

Totali 30 di cui 19 soci.

Condizioni meteo e ambientali:

Bella giornata di sole di stampo prettamente estivo con temperatura molto elevata per il periodo, 25° C, e buona visibilità.

In questo contesto La Soldanella e La Primula si sono ritrovate per la tradizionale escursione insieme, che si è svolta nella cornice della Val Cordevole, dalla Certosa di Vedana alla prima parte della Via degli Ospizi. Una bellissima oasi naturale il cui fulcro è la riserva faunistica di Salet, caratterizzata da enormi prati verdi, delimitati da steccati all'interno dei quali pascola una nutrita colonia di cavalli, amorevolmente curati dal personale dall'ex Corpo forestale dello Stato. Tra foto a go-go, avvistamenti di fiori rari, girini appena usciti dalle uova e assalto alla grande torre di avvistamento faunistico, noi e i ragazzi della Primula, accompagnati dai simpaticissimi e disponibili assistenti, ci siamo pappati quasi senza accorgersene oltre 8 km di cammino. Il tempo trascorso assieme è volato e la gioia della condivisione e dell'amicizia ha riempito i cuori di tutti, fino all'immancabile gelato finale con l'arrivederci alla prossima... a cui le nostre impareggiabili guide: Emanuela, Vittorino e Brian stanno già pensando.

Foto:


 
PDF Stampa E-mail

VAL ROSANDRA - CARSO TRIESTINO

DEL 8 APRILE 2018

Partecipanti:

Totali 50 di cui 38 soci.

E’ bello partire da lontano… con un gruppo così numeroso e sorridente, per quella che sarà una stupenda giornata.

Il sole terso e le ottime temperature (superiamo abbondantemente i 20° C) ci rassicurano e ci mettono di buon umore. La gita inizia con uno sguardo alla città di Trieste e il mare, passando poi per i campi da golf, tra estesi prati e siepi, alternati a macchie di pini marittimi. Raggiungiamo la Foiba di Basovizza, c’è più silenzio, il museo è aperto e alcuni di noi entrano a visitarlo. Riprendiamo il cammino, il gruppo si muove compatto verso la nostra valle. Il monte Carso è davanti a noi; prossima tappa San Lorenzo, da dove l’omonima vedetta permette una vista completa sulla Val Rosandra. La fame inizia a farsi sentire e con passo deciso raggiungiamo la cima del Monte Stena, 442 m… ed il meritato pranzo! Foto di rito, siamo tanti e siamo bellissimi… E poi cominciamo a scendere verso Draga Sant’Elia, antico borgo carsico posto a 341 metri s.l.m. dove ci attende un’antica osteria e dove alcuni di noi riescono a farsi spazio per un caffè. Scendiamo verso Bottazzo, ultimo lembo d’Italia prima del confine Sloveno e poi, eccola, la grande cascata… merita più di  una foto. Un’ultima fatica prima di raggiungere la chiesetta di Santa Maria in Siaris, per me (e non solo spero) è, innegabilmente, uno dei luoghi più suggestivi di tutta la Val Rosandra. Proseguiamo rapidamente fra ghiaie e corsi d’acqua fino al Rifugio Premuda, ultimo ristoro prima di uscire a Bagnoli dove il nostro pullman attende. Giusto il tempo di condividere una crostata fatta per noi dal nostro amico Renzo e riprendiamo la strada di casa. La gita ci ha permesso di ammirare questa straordinaria opera della natura, così particolare e fuori dal comune, in una zona costiera. Grazie a tutti i partecipanti e a chi mi ha supportato per la buona riuscita.

Barbara

Foto: