• lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
  • lasoldanella.org
Home
PDF Stampa E-mail

Serata foto e Auguri Natale 2018

Giovedì 13 Dicembre ultimo appuntamento dell'anno con la proiezione dei più bei filmati e immagini tratte dalle escursioni del 2018 e dal Calendario fotografico 2019.


L'appuntamento è alle ore 21,00 presso la sala di Piazza Pio X a Casier.

Concluderemo con il tradizionale brindisi e l'arrivederci al 2019. Non mancate!

 
PDF Stampa E-mail

Venerdì 30 Novembre alle ore 21,00

presso la sala in Piazza Pio X a Casier

presentazione dell'uscita di Domenica 2 Dicembre

Modena - Città d'arte e patria della Ferrari


Proposta da: Paola Gentile

Per info: 349.4143279

Mezzo di trasporto: Pullman

Partenza: alle ore 6,30 dal parcheggio di Dosson

Rientro previsto: ore 19,30

Difficoltà: T - Turistica

Costo: 20 € pullman + 6 € biglietto per visita

Equipaggiamento: Abbigliamento adatto alla stagione invernale, scarpe comode. Panzo e bevande al sacco, o nei locali del centro.

Tutte le info e i dettagli nella presentazione di Venerdì 30

Per iscriversi entro le ore 12 di Sabato 1 Dicembre

chiamare il 333.4184778 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
PDF Stampa E-mail

Cena sociale La Soldanella 2018

Si ricorda ai soci, familiari e amici la Cena sociale di Sabato 24 Novembre che si terrà a Biancade presso il centro parrocchiale Beato Enrico in via Paris Bordone 1 (vicino alla chiesa) con ritrovo alle ore 19,30.

Non mancate e ricordate di partecipare alla gara per la torta migliore, per i primi classificati ci saranno dei bei premi.

Per iscrivervi chiamate il 333.4184778 o inviate una mail all'indirizzo: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. entro Lunedì 19 Novembre.

Vi aspettiamo numerosi!

 
PDF Stampa E-mail

DAVESTRA - LA VIA DEI PAGANI - CASTAGNATA

DEL 21 OTTOBRE 2018

Partecipanti:

Totali 54 di cui 40 soci.

Bella giornata con sole che si fa un po' attendere, ma poi esce grazie al vento che fa sparire le nuvole e riapparire il cielo azzurro. Temperatura gradevole compresa tra 10 e 20°C.

L'ultima escursione dell'anno si è svolta in un ambiente ricco di storia e cultura. Il percorso è stato facile con un'uscita adatta a tutta la famiglia, con partenza e arrivo a Davestra passando per Le Vare e percorrendo la via dei Pagani che ci ha consentito di ammirare il sito archeologico di Paluc e il panorama del belvedere. La successiva ripida discesa ci ha riportato velocemente a valle finendo proprio dietro la chiesa del minuscolo paesino di Davestra. Nel frattempo il nutrito reparto cucina lavorava alacremente per preparare il banchetto finale con tanto di gustosa pasta e fagioli che ha fatto da preludio alla successiva scorpacciata di dolci e castagne (cotte a puntino), serviti sotto al confortevole tendone delle feste del paese. La giornata è continuata in alleglia con giochi all'aperto e buonumore fino al rompete le righe finale e l'arrivederci alla prossima stagione. 

Foto:


 
PDF Stampa E-mail

Giovedì 18 Ottobre alle ore 21,00

presso la sala in Piazza Pio X a Casier (di fianco alla chiesa)

presentazione dell'uscita di Domenica 21 Ottobre

Davestra - La via dei Pagani


Proposta da: Donatella Olivotto e Lino Pasin

Per info: 345.2405193

Partenza: Domenica alle ore 7,30 dai parcheggi di Dosson e di Monigo

Rientro previsto: Domenica alle ore 18,00

Mezzo di trasporto: Auto.

Difficoltà: Escursionistico

Dislivello: 300 m compresi i saliscendi

Quota massima: 757 m

Tempi: 3 ore

Equipaggiamento: Abbigliamento da montagna con scarponi, pile, giacca a vento, cappello, guanti. Merenda e bevande al sacco. Gradite integrazioni di ogni genere alla castagnata finale.

Tutte le info e i dettagli nella presentazione di Giovedì 18

Per iscriversi chiamare il 333.4184778 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
PDF Stampa E-mail

RIFUGIO BOZ - PASSO ALVIS E PASSO FINESTRA

DEL 14 OTTOBRE 2018

Partecipanti:

Totali 19 di cui 18 soci.

Giornata stupenda come molte altre del nostro gruppo, oggi siamo andati a curiosare tra le vette Feltrine. Due raggruppamenti uno a Dosson che dopo breve si riunisce a Monigo per partire tutti assieme imboccando la Feltrina. Pausa poco dopo Feltre per la classica colazione prima di iniziare a prepararsi per l’escursione. Arrivati Soranzen entriamo nella val Canzoi e qui già assaporiamo un antipasto di quello che ci farà vedere il nostro cammino. Prima fotografia il lago artificiale della Stua, specchio d’acqua dove si riflettono le cime circostanti. Luciano con passo costante ci guida sino alla Malga Alvis mentre Renzo, in coda al gruppo, controlla che nessuno rimanga indietro. Alla malga effettuiamo la sosta con il primo rifornimento di calorie per il gruppo. Dopo breve sosta si riparte verso il passo Alvis e sotto la malga, lentamente, diventa sempre più piccola. Giriamo lo sguardo e incominciamo a scorgere da un lato i Piani Eterni e il Sass de Mura. Quest’ultimo ci appare in tutta la sua imponenza quando arriviamo al passo, dove possiamo ammirare anche il lato Nord delle Vette Feltrine, nonché la Cima d’Asta e i Lagorai. Il cammino prosegue poi per un leggero pendio verso la Val Fonda dove, in un largo spiazzo, sorge il Rifugio Boz meta per il nostro ristoro. Per il 2018 è l’ultimo giorno di apertura del rifugio e gli escursionisti sembra abbiano voluto festeggiarlo visto il cospicuo numero di presenze tanto da consumarne totalmente le ultime riserve di generi alimentari. Dopo una giusta sosta, rifocillati e riposati ripartiamo per il Passo Finestra dove arriviamo dopo una breve salita; da qui inizia la discesa, leggermente impegnativa all’inizio ma che poi prosegue per una comoda mulattiera e ci riporta a fondovalle permettendoci, durante la discesa, come di consueto, di chiacchierare, fare battute e stare in allegria apprezzando i luoghi e la compagnia dei Soldanelli. Come al solito alla fine tutti soddisfatti per la bellezza dei luoghi attraversati che fanno dimenticare la fatica e il dislivello percorso e ci sentiamo tutti pronti, con curiosità, per una nuova escursione in compagnia.

Foto:


 
PDF Stampa E-mail

Giovedì 4 Ottobre alle ore 21,00

presso la sala di Piazza Pio X a Casier

presentazione dell'uscita di Domenica 14 Ottobre

Vette Feltrine - Passo Alvis e Passo Finestra


Proposta da: Luciano Dierico e Renzo Serafin

Per info: 347.5281184

Mezzo di trasporto: Auto

Partenza: alle ore 6,30 da Dosson, ore 6,45 da Monigo

Rientro previsto: ore 19,00 / 19,30

Difficoltà: E Escursionistica

Lunghezza: 15 km

Dislivello: 1350 m

Quota massima: 1880 m

Tempi: 7,5 ore

Equipaggiamento: Completo da escursionismo con zaino, scarponi, giacca a vento, berretto, guanti, occhiali da sole, crema solare, bastoncini. Pranzo e bevande al sacco, possibile ristoro al Rifugio Boz.

Tutte le info e i dettagli nella presentazione di Giovedì 4

Per iscriversi entro le ore 12 di Sabato 13 Ottobre

chiamare il 333.4184778 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
PDF Stampa E-mail

LAGORAI - CIMA FRAVORT E GRONLAIT

DEL 23 SETTEMBRE 2018

Partecipanti:

Totali 21 di cui 20 soci.

Missione compiuta!

Ebbene sì carissimi amici Soldanelli: dopo aver rinviato per ben due volte questa splendida escursione...siamo riusciti ad effettuarla. Come di consueto, dopo aver valutato attentamente i bollettini meteo, proiezione satellitari, barometriche e anche un paio di indovini, la grande decisione è presa: questa volta si va !!!!!!!!!!!

Di buon mattino, come consolidata tradizione, un cospicuo gruppo di Soldanelli, incuranti del tempo molto nuvoloso e poco invitante, parte con destinazione Panarotta. Dopo aver parcheggiato le auto, calzato i nostri inseparabili scarponi e messo lo zaino in spalla si parte. Le nuvole cominciano lentamente a diradarsi, prima con esasperante lentezza poi sempre più velocemente e riusciamo così a vedere  lontana anzi, molto lontana, la nostra prima cima : il FRAVORT. Entusiasti e vogliosi, con passo felpato a mò di belante gregge, arriviamo rapidamente alla Forcella “La Bassa”. Iniziamo l’ardua salita e sin da subito il gregge si trasforma in serpentone che si muove velocemente sui tornanti che conducono fino alla base del Fravort. Poi cominciano ad entrare in azione i numerosi ed agguerriti fotografi nell'intento di immortalare le numerose cime baciate dal sole che emergono dalla fitta coltre di nuvole che ricopre l’intero fondo valle. Lo spallone erboso, ripido e solcato dai numerosi scoli d'acqua, crea quasi subito una selezione tra i baldi escursionisti ma lo spirito di gruppo, oramai ben esercitato, ci vincola a salire tutti assieme (o quasi …). L' arrivo in cima Fravort e il panorama che si apre tutto intorno (Valle dei Mocheni – ValSugana – Gruppo di Brenta - ecc…..) ricaricano lo spirito e rigenerano le forze dei Soldanelli. Classica foto di vetta come tradizione e poi giù, verso la Forcella Fravort, attraversando una fitta e insidiosa pietraia che soldanelli e soldanelle superano in scioltezza e senza alcun timore, o quasi!!! Lo slancio della discesa ci fa affrontare di impeto, a mò di rincorsa, la successiva salita che ci porta all’ ultima e ambita meta: la cima del Gronlait. L’ arrivo in vetta avviene un po’ alla spicciolata, a piccoli gruppi sbuffanti, ma il successivo attacco al meritato panino avviene in modo praticamente uniforme per tutti. Ulteriore valanga di foto e apprezzamenti per lo splendido panorama che ci fa da corona, tutti si abbracciano e si complimentano per essere arrivati fin lassù ma, purtroppo, è già l’ora di ripartire. Iniziamo la lunga discesa che, attraverso un sentiero sovrastante la valle dei  Mocheni, ci riporta alla Forcella “La Bassa” fino a giungere nuovamente al parcheggio, dopo aver superato un tranquillo e placido bosco.

I capogita WALTER e TIZIANO, raggianti, ringraziano tutti i partecipanti e raccolgono i complimenti e gli applausi dei commossi Soldanelli, visibilmente stanchi ma soddisfatti. Ciao alla prossima.

Foto:


 
PDF Stampa E-mail

Giovedì 20 Settembre alle ore 21,00

presso la sala in Piazza Pio X a Casier (di fianco alla chiesa)

presentazione dell'uscita di Domenica 23 Settembre

Lagorai - Cima Fravort e Gronlait


Proposta da: Walter Marini e Tiziano Michielin

Per info: 338.3334449

Mezzo di trasporto: Auto

Partenza: Domenica 23 alle ore 6,30 dal parcheggio di Dosson, ore 6,45 da quello di Monigo

Rientro previsto: ore 19,00 / 19,30

Difficoltà: E - Escursionisti

Lunghezza: 13,5 km

Dislivello: 1000 m in salita e discesa

Tempi: 7,5 ore

Equipaggiamento: zaino, scarponi, pile, giacca a vento, cappello, occhiali, crema solare e bastoncini. Pranzo al sacco e abbondanti bevande (non ci sono punti di ristoro sul percorso).

Tutte le info e i dettagli nella presentazione di Giovedì 20

Per iscriversi entro le ore 12 di Sabato 22 Settembre

chiamare il 333.4184778 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
PDF Stampa E-mail

RIFUGIO VAZZOLER - SELLA DI PELSA

DEL 9 SETTEMBRE 2018

Partecipanti:

Totali 13 di cui 11 soci e 2 new entries.

Con un cambio in corsa, causa maltempo che non ci ha permesso di provare l'uscita al monte Robon in Friuli, decidiamo di cimentarci su tutt'altra meta, nell'Agordino al rifugio Vazzoler e poi fino alla sella di Pelsa, sotto le splendide torri Trieste e Venezia, nell'uscita già programmata a Maggio e rinviata sempre causa tempo inclemente.

Tutti, o quasi, puntuali alla partenza a Dosson, la giornata promette bene. Arriviamo infatti al parcheggio della Capanna Trieste alle nove, cielo sereno e aria frizzantina. Imbocchiamo la comoda strada bianca CAI 555 che costeggiando il torrente Corpassa con innumerevoli tornanti ci fa salire in maniera costante verso la prima meta, il rifugio Vazzoler sul Col Negro di Pelsa. Ci godiamo la salita con calma, con parecchie fermate d'obbligo per gustarci la vista dell'imponente torre Trieste che incombe su di noi per tutto il percorso. Ovviamente arrivati al rifugio il buon capogita non ha potuto esimersi dall'assaggiare l'ottima torta messa a disposizione dal gestore. Riprendendo poi il cammino abbiamo attraversato l'ombroso boschetto retrostante il rifugio e siamo usciti sul sentiero CAI 560 che ci ha portato sotto la meravigliosa torre Venezia e poi su verso i prati di Pian di Pelsa fino all'omonima sella. Qui su di una verdeggiante collinetta, ammirando in lontananza il rifugio Tissi e sotto le bellissime rocce del Civetta, ci siamo meritatamente riposati e ristorati... in sottofondo i fischi delle marmotte. Sempre sotto un cielo dipinto d'azzurro abbiamo iniziato la discesa, con la piccola deviazione verso la casera di Malga Pelsa, per un pieno di ottimo formaggio e burro di malga, nonchè una piacevole chiaccherata con il malgaro per conoscerne un po' la vita e le problematiche del suo mestiere. Abbiamo quindi ripreso in senso inverso, tornante su tornante, la carrareccia fino alla capanna Trieste, dove con un sospiro di sollievo sono stati liberati i piedi dagli scarponi. Ovviamente visto che la giornata è stata splendida, tempo bello compagnia piacevole non si poteva che finire in bellezza...tutti in gelateria a Santa Giustina per un meritatissimo megagelato!

Foto: